Normativa Italia

Cos’√® un Pre-Defined Risk Assessment?

di Redazione

Una Pre-Defined Risk Assessment (PDRA) √® un semplice modo per identificare uno scenario operativo basato sul tipo di operazioni (per esempio, BVLOS o VLOS), le caratteristiche dell’area di volo, il tipo di UAS che pu√≤ essere utilizzato (ad esempio, un multirotore) e le relative caratteristiche tecniche e operative. La PDRA include anche una lista dei requisiti che devono essere dimostrati e delle mitigazioni che devono essere definite e adottate dall’operatore per ottenere l’autorizzazione da parte dell’ENAC.

In sintesi, un PDRA √® una valutazione preventiva di ciascuno scenario operativo, eseguita a livello Europeo dall’EASA, utilizzando lo standard fissato dall’ultima versione della metodologia chiamata Specific Operations Risk Assessment (SORA).

L’obiettivo √® identificare le mitigazioni e i requisiti necessari da dimostrare per ottenere l’autorizzazione.

In sostanza, l’operatore non deve eseguire una valutazione del rischio autonomamente, ma deve solo dimostrare all’ENAC che ha verificato e implementato i requisiti e le limitazioni riportati nel PDRA, presentando la documentazione necessaria.

Per accedere al Pre-Defined Risk Assessment del proprio scenario di utilizzo, l’operatore potr√† andare sull’apposita sezione del sito dell’EASA e procedere con le verifiche di conformit√†. Se la documentazione presentata all’ENAC soddisfa i criteri stabiliti dall’EASA, verr√† emessa l’autorizzazione per l’operatore.

In altre parole, l’autorizzazione basata su un PDRA emessa dall’ENAC √® legata ad una specifica area geografica, basata sul volume delle operazioni e sul rischio individuato dall’operatore. Tuttavia, se l’operatore sviluppa e ottiene l’approvazione da parte dell’ENAC per una procedura tecnico-operativa adeguata, potr√† applicare lo scenario di un PDRA approvato in diverse aree geografiche del Paese, secondo i termini e le condizioni stabilite nella procedura.

A meno che non ci siano modifiche alle norme europee in materia, l’autorizzazione emessa non ha una data di scadenza fissata. Rimane valida a condizione che le condizioni per cui √® stata ottenuta non siano mutate. Tuttavia, come previsto dal regolamento, l’ENAC pu√≤ effettuare verifiche periodiche per garantire che le operazioni siano conformi al Pre-Defined Risk Assement autorizzato.

Riproduzione riservata © 2024 Dronespectremag

Aggiornato il 05/15/2024

Articoli correlati