Attualità

Droni per la rinascita dei boschi delle Alpi austriache

di Redazione

Le soluzioni offerte dai velivoli senza pilota danno grandi frutti nelle opere di conservazione del ripristino delle aree boscose. Sul confine tra Italia ed Austria, i droni stanno fornendo un grande supporto alle attività necessarie a rimboscare l’Area Alpina del Tirolo Orientale, colpita da un’infestazione. I boschi sono stati decimati dal bostrico, un insetto parassita dell’abete rosso, normalmente presente nell’ecosistema, ma ultimamente protagonista di un’aggressiva invasione, dovuta ad un aumento improvviso della popolazione.

Un terzo del patrimonio boschivo delle Alpi Austriache è stato devastato da questa infestazione, spingendo l’amministrazione locale a cercare una soluzione rapida ed efficace.

La Direzione Forestale dello Stato e l’Ispettorato Forestale Distrettuale del Tirolo Orientale hanno dunque lanciato un progetto pionieristico per porre fine ai danni causati dal bostrico: utilizzare una tecnica collaudata a livello internazionale, per ripopolare l’area di piante dei boschi grazie ai droni, giungendo così anche in aree impervie.

I semi, opportunamente trattati con minerali d’argilla per favorire una crescita più veloce ed efficace, verranno lanciati nei luoghi più colpiti dall’infestazione del bostrico.

Secondo Josef Fuchs, Direttore della Foresteria del Tirolo, i droni non sostituiranno l’intervento umano, ma saranno un prezioso ausilio nelle aree dove la riforestazione manuale è impraticabile.

L’obiettivo finale di questo progetto è quello di ristabilire l’equilibrio degli ecosistemi forestali, reintroducendo milioni di alberi nelle aree più colpite dal bostrico. Se il progetto avrà successo, potrebbe aprire la strada a nuove strategie di gestione forestale non solo in Austria, ma anche in altre regioni europee che affrontano sfide simili.

In attesa dei risultati del prossimo anno, l’interesse e le speranze per il successo di questa iniziativa sono altissime, anche vista l’esperienza internazionale.

Riproduzione riservata © 2024 Dronespectremag

Aggiornato il 05/15/2024

Articoli correlati