Trasporti

I nuovi droni della NASA per l’Advanced Air Mobility

di Redazione

Nei prossimi anni, nuovi velivoli sorvoleranno i cieli per trasportare merci e persone in modi ritenuti impossibili fino a pochi anni fa. Sta emergendo un’era rivoluzionaria nella logistica, con velivoli automatizzati per i pacchi, moderni taxi e persino mezzi per rispondere rapidamente alle emergenze.

La visione della NASA per il futuro dell’aviazione richiederà un’infrastruttura parecchio diversa per consentire lo scambio di dati tra aeromobili e sistemi di controllo del traffico aereo. Nel prossimo anno, il Glenn Research Center, il centro di ricerca della NASA a Cleveland, inizierà a far volare i nuovi droni Pilatus PC-12 in città per testare nuove tecnologie di comunicazione.

È un ottimo posto per i test“, afferma James “JD” Demers, capo delle operazioni aeronautiche del Glenn, al portale Cleveland.com. “Siamo l’unico centro della NASA situato in un grande aeroporto commerciale. Abbiamo tutte e quattro le stagioni qui. Abbiamo bisogno di pioggia a volte. Abbiamo bisogno di fogliame sugli alberi o neve sul terreno. Le comunicazioni potrebbero rispondere in modo diverso e dobbiamo verificarlo“.

I velivoli stessi fungono da strutture di prova“, ha osservato Bryan Smith, direttore delle strutture, delle prove e della produzione del Glenn Research Center. “Vogliamo essere in grado di offrire ai nostri clienti aeronautici e spaziali la possibilità di testare le loro nuove idee in ambienti diversi“.

In un futuro con un gran numero di velivoli autonomi e a pilotaggio remoto nel cielo, la connettività sarà fondamentale. “Devono tutti sapere dove si trovano in ogni momento“, ha affermato Tim McCartney, direttore dell’aeronautica presso il Glenn. “Immagina il tuo cellulare quando perde il segnale. Non vuoi che accada quando stai volando a distanza“.

La missione Advanced Air Mobility (AAM) della NASA ha lo scopo di mappare nuovi sistemi di trasporto aereo, inclusi i droni, insieme ai partner dell’industria, della comunità e alla Federal Aviation Administration. Queste nuove funzionalità consentirebbero a passeggeri e merci di viaggiare su richiesta in velivoli automatizzati all’interno dei centri urbani, tra città vicine o verso località attualmente poco servite dall’aviazione.

Tra 10 o 20 anni, ciò che vedremo nei cieli sembrerà molto, molto diverso da quello che abbiamo oggi“, ha detto McCartney. Gli esperti stanno pianificando un futuro in cui le persone si spostano con taxi aerei, i prodotti vengono consegnati più velocemente da dispositivi telecomandati e i veicoli medici e di emergenza possono rispondere rapidamente, ha affermato la NASA in un comunicato stampa.

Qualunque sia l’aspetto dell’aviazione nei prossimi decenni, sarà possibile in parte grazie alla ricerca e allo sviluppo in corso attualmente nel nord-est dell’Ohio. “È un grande momento per farne parte“, ha affermato McCartney. “C’è una rivoluzione nel volo così come lo conosciamo e il Glenn è in una posizione perfetta per aiutarci“.

Riproduzione riservata © 2024 Dronespectremag

Aggiornato il 05/15/2024

Articoli correlati