Agricoltura

In India, un servizio Uber per i droni agricoli

di Redazione

Durante un normale pomeriggio nella fattoria di Adesh Jain a Udaipura, nel Madhya Pradesh, India, un pick-up si ferma e un drone della SkyLane Dronetech Private decolla. In pochi minuti, il drone sorvola 114 acri di terreno, distribuendo acqua e fertilizzanti sulla coltivazione di grano e riso, riducendo l’utilizzo di sostanze chimiche del 30% rispetto a un’irrorazione manuale. Il contadino ha espresso preoccupazione per il prezzo: “₹ 500 per acro è una grande quantità. Senza i droni, spendo solo circa ₹ 200/250 per acro“, ha detto alla BloombergQuint. “Se il costo fosse ridotto a questi livelli, potrei seriamente considerare di utilizzare questo metodo per irrorare tutti i miei raccolti“.

L’esperienza di Jain indica un reale interesse tra gli agricoltori indiani nell’utilizzo dei droni per le loro attività. Tuttavia, la preoccupazione per i costi rappresenta un ostacolo importante per la diffusione dei droni in questo settore. La maggior parte degli agricoltori indiani, infatti, possiede una superficie limitata, e il costo dei servizi offerti dai droni potrebbe essere troppo elevato per loro. Per questo motivo, secondo Smit Shah, presidente della Drone Federation of India, “per una diffusione massiccia dei droni, questi devono essere offerti come un servizio, non come un prodotto“.

Società come Garuda Aerospace e IoTechWorld Avigation stanno già sviluppando un modello basato sui servizi per l’utilizzo dei droni agricoli. Il fondatore e CEO di Garuda, Agnishwar Jayaprakash, lo definisce come un “Uber per i droni agricoli”. L’obiettivo è quello di garantire la disponibilità di un “microimprenditore” o di un appaltatore affiliato a un fornitore di servizi in ogni villaggio. Questi centri di assunzione non devono essere esclusivi di una sola azienda. Garuda ha l’ambizione di produrre droni al prezzo di ₹ 1 lakh nei prossimi due anni e richiederà incentivi legati alla produzione per raggiungere questo obiettivo.

Garuda ha stabilito partnership con associazioni di agricoltori e, secondo il CEO, questi non sarebbero contrari a investire nella tecnologia se vengono forniti servizi di consulenza e informazioni esplicative in una lingua comprensibile. “Consegnare solo un disco rigido non basta“, afferma Jayaprakash. Questo modello sembra funzionare meglio nelle regioni del Punjab, Haryana e nelle parti settentrionali dell’India, dove i costi per l’irrigazione sono molto più bassi rispetto al sud.

Il governo sta offrendo incentivi fino al 100% per l’acquisto di droni, con un valore massimo di ₹ 10 lakh, a enti come l’Indian Council of Agricultural Research (ICAR), l’Institute of Farm Machinery Training and Testing, i centri di estensione Krishi Vigyan Kendra e le università statali agrarie. Queste rappresentanze sperano in un cambiamento che migliorerà la fattibilità, riducendo la burocrazia e le tasse necessarie. Nel settembre 2021 è stato pubblicato un programma di incentivi, e il Primo Ministro Narendra Modi ha twittato un video due mesi fa in cui si vedevano i droni gestiti da Garuda, dichiarando: “La tecnologia innovativa fornirà potere ai nostri agricoltori e renderà l’agricoltura più redditizia“.

IoTechWorld, che ha una capacità produttiva di circa 100 dispositivi al giorno, ha avviato il suo primo progetto di economia collaborativa nel 2019 a Karnal, Haryana. Attualmente, ha più di 20 centri simili in tutto il Paese che forniscono servizi di agribot e droni agricoli, tra cui la piattaforma SkyLane. Questi centri aiutano a migliorare la fattibilità della tecnologia agricola a prezzi accessibili.

Il CEO di IoTechWorld, Deepak Bhardwaj, ha dichiarato: “Stiamo sviluppando una piattaforma di aggregazione in cui tutti i nostri clienti possono offrire i loro servizi, e l’ampio database di agricoltori che abbiamo può accedere a queste offerte tramite un’applicazione mobile“.

Riproduzione riservata © 2024 Dronespectremag

Aggiornato il 05/15/2024

Articoli correlati