Articoli

Malaga-Marbella in 15 minuti grazie ai taxi aerei

di Redazione

Con i nuovi regolamenti EASA in vigore, proseguono le sperimentazioni mirate a implementare l’applicazione di droni eVTOL alla logistica. Una delle ultime esperienze in questo senso è la sperimentazione in corso a Malaga, dove l’azienda pubblica Spagnola Enaire e la sua controllata Crida stanno testando dei nuovi droni passeggeri sviluppato dall’azienda tedesca Lilium da impiegare come taxi aerei.

I test sono parte di ben due progetti di punta della mobilità aerea avanzata in Europa. Il primo, chiamato Ensure, si concentra sullo studio della coesistenza sicura tra la navigazione aerea tradizionale e quella dei droni. Il secondo, OperA, mira a collegare l’aeroporto con i centri urbani tramite taxi aerei altamente sicuri.

Entrambi i progetti avvengono sotto la supervisione del Sesar, il consorzio di aziende pubbliche e private per lo sviluppo dell’aviazione del futuro nel Cielo Unico Europeo.

L’ambizioso obiettivo del progetto è permettere ai viaggiatori di raggiungere località come Marbella dall’aeroporto di Malaga in circa quindici minuti, il tutto grazie a velivoli al 100% elettrici.

Inizialmente, questi velivoli saranno guidati da piloti certificati, ma in futuro si prevede che possano essere a guida autonoma.

Una delle sfide del progetto, sarà rendere questo genere di trasporto a portata di tutte le tasche, in modo che sia effettivamente integrato nella mobilità Spagnola e non sia solo appannaggio dei più ricchi.

Oltre ai test dei velivoli, OperA prevede anche la costruzione di un vertiporto equipaggiato con punti di ricarica elettrica ad alta potenza. Si sta studiando la possibilità di avere un terminale annesso o di utilizzare quelli esistenti. Aena, responsabile dell’area a terra, sta cercando possibili ubicazioni.

Le prime operazioni di test tra Malaga e Granada, tratta che dovrebbe impegnare i droni per circa cinquanta minuti, inizieranno nella seconda metà del 2025. I corridoi per queste operazioni sono già in fase di progettazione per essere compatibili con le rotte di volo tradizionali e si stima che entro tre anni il vertiporto possa diventare effettivamente operativo.

La struttura del mercato per i taxi aerei è ancora da definire, ma Malaga offre un punto strategico per collegare la Costa del Sol, una zona con evidenti carenze di mobilità, con il resto della Penisola iberica.

Entro un decennio, le operazioni dei droni potrebbero superare di dieci volte quelle dei voli commerciali. Nei giorni di punta, Malaga potrebbe vedere fino a 6.000 voli di piccoli aeromobili ogni giorno, coprendo una vasta gamma di utilizzi, dalla sorveglianza all’agricoltura, dalla pulizia alla consegna di pacchi e, soprattutto, alla mobilità urbana.

Riproduzione riservata © 2024 Dronespectremag

Aggiornato il 06/10/2024

Articoli correlati