Medicina

Ospedale di Livorno, decolla il trasporto di sangue con droni

di Redazione

Trasportare materiale biologico, tra cui sangue ed emocomponenti, utilizzando droni: è l’innovativo sistema che ha preso il via nell’ospedale di Livorno. L’iniziativa è frutto di una collaborazione con la società ABzero, uno spin-off della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, che ha ottenuto l’autorizzazione dall’Enac per il delivery di materiale medicale utilizzando contenitori certificati.

Il progetto ha superato una fase pratica che è stata preceduta da una sperimentazione avviata nel 2018, coinvolgendo la Asl Toscana Nord Ovest, con la supervisione scientifica dell’Istituto di Fisica Applicata del Cnr di Firenze. Questo processo ha permesso di validare la tecnologia da un punto di vista tecnico, avionico e sanitario. L’Asl ha sostenuto lo sviluppo del progetto dal punto di vista medico e organizzativo, diventando il primo centro ospedaliero in Italia ad ospitare in modo continuativo attività operative e sperimentali. Nei prossimi mesi, sono previste implementazioni di Intelligenza Artificiale per la supervisione dei droni, con l’obiettivo di offrire un servizio integrativo per la logistica medica disponibile a tutte le Asl interessate. ABzero ha dichiarato che l’obiettivo principale è ottimizzare e automatizzare il processo logistico di trasferimento del sangue dai punti di raccolta verso i reparti ospedalieri e, in futuro, verso località al di fuori dell’ospedale che ne facciano richiesta.

Il sistema di trasporto utilizza un drone volante e una capsula o contenitore agganciato, che è in grado di supervisionare le fasi di volo e monitorare lo stato di integrità del materiale trasportato attraverso l’utilizzo di Intelligenza Artificiale, con la supervisione umana remota. Si prevede una significativa riduzione dei tempi di consegna, passando da un’ora a pochi minuti. Il progetto mira a estendere il trasporto con droni non solo al sangue, ma anche ad altri materiali biologici, farmaci e, in futuro, persino organi.

Riproduzione riservata © 2024 Dronespectremag

Articoli correlati