Articoli

Osservatorio Droni e Mobilità Aerea Avanzata: cosa aspettarsi dalla 6a edizione

di Redazione

Nel kickoff webinar della nuova edizione, il 2 maggio, l’Osservatorio Droni e Mobilità Avanzata del Politecnico di Milano ha invitato molti importanti rappresentati e stakeholder del mondo degli UAS a discutere insieme le nuove direttrici di ricerca.

Gli spunti per il sesto anno di monitoraggio sono molti e promettono un’edizione molto ricca ed interessante per chi vuole rimanere aggiornato sullo stato dell’arte del mercato dei droni italiano ed internazionale.

Entrambi rimarranno certamente al centro della ricerca dell’Osservatorio, anche grazie alle partnership strategiche con ENAC e D-Flight, che forniscono importantissimi dati sull’utilizzo dei droni nello spazio aereo nazionale, e con Drone Industry Insight per l’ambito internazionale.

Ciò che il Politecnico e i partner cercheranno di fare quest’anno, sarà fare un raffronto sistematico tra le tendenze del mercato italiano con quello estero, cercando di coinvolgere anche realtà e stakeholder che operano fuori dall’Europa.

Ci sarà inoltre un particolare focus sulle startup, sulle direttrici di investimento e sui potenziali nuovi mercati emergenti.

Tornerà inoltre lo studio sui casi applicativi più promettenti nel campo degli Innovative Aerial Services, integrati quest’anno da un’indagine sulle figure professionali emergenti che si dimostrano necessarie per lo sviluppo del settore.

Tra i nuovi filoni di ricerca, troveremo inoltre uno studio verticale sulla raccolta di dati da drone e sui loro utilizzi, una analisi dei modelli di business presenti sul mercato per capire quali dimostrano la maggiore sostenibilità economica e un focus sui fattori bloccanti allo sviluppo di nuove applicazioni a causa delle pubbliche amministrazioni.

Non potrà inoltre mancare l’approfondimento sui temi delle esigenze di privacy e cybersecurity del settore, anche alla luce dei recenti sviluppi nel campo dell’IA.

Rispetto alle precedenti edizioni, i prossimi workshop dell’Osservatorio saranno più improntati al confronto tra gli operatori del settore dei droni, anche in vista del successo che questi hanno avuto in passato.

Già il workshop di kickoff è stato un momento di grande confronto tra gli stakeholder italiani, che hanno presentato i loro desideri di approfondire i temi dell’uso dei droni in agricoltura per la distribuzione di materiali fitosanitari, acqua e sementi, ma anche l’applicazione di UAS in emergenza e le soluzioni di drone delivery per il mondo della sanità.

La sesta edizione dunque, promette di essere estremamente vicina alle esigenze degli operatori di settore, ed è pronta ad iniziare con nuovi incontri.

Riproduzione riservata © 2024 Dronespectremag

Aggiornato il 05/15/2024

Articoli correlati