Ispezione e sopralluoghi

Torre San Niccolò (Firenze), al via i lavori di restauro con indagini georadar e super-drone 

di Redazione

La Torre di San Niccolò ha subito un intervento di restauro conservativo del valore di 300mila euro. Questo lavoro è stato svolto con tecniche innovative di indagine sulla struttura e sul terreno. Georadar, laser scanner e super-drone sono stati utilizzati per studiare la struttura della torre e del terreno in profondità, al fine di garantire un intervento accurato ed efficace. Inoltre, è stato creato un modello 3D per simulare eventuali danni o crolli.

L’assessora ai Lavori pubblici Titta Meucci, insieme ai tecnici di Palazzo Vecchio e agli esperti del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Universit√† di Firenze, ha verificato l’andamento delle indagini preliminari ai lavori. Sono state effettuate analisi approfondite per garantire la corretta esecuzione del progetto di restauro.

Grazie alla collaborazione tra Comune di Firenze e Dipartimento di Scienze della Terra dell‚ÄôUniversit√† di Firenze sono state per la prima volta realizzate indagini con strumenti innovativi in grado di ‚Äėvedere‚Äô la struttura della torre in profondit√† senza toccarla e orientare al meglio gli interventi di recupero conservativo che stanno per partire. Una prima applicazione dalla quale partire per estendere questa modalit√† di indagine e analisi a tutti i beni culturali e monumenti della citt√† di Firenze“, ha dichiarato l‚Äôassessora Meucci.

Le indagini preliminari hanno incluso il montaggio di un georadar innovativo di larghezza un metro su un cestello, e la realizzazione di strisce verticali (merlature) a 40 metri di altezza sui quattro lati della torre. Sono state inoltre eseguite attivit√† di laser scanner sia all’esterno che all’interno della torre. Infine, un drone di dimensioni e qualit√† innovative √® stato utilizzato per effettuare una scansione sia esterna che interna della torre.

Le attivit√† svolte sono state propedeutiche alle lavorazioni di restauro conservativo che inizieranno nelle prossime settimane. Esse hanno riguardato il rilievo della Torre di San Niccol√≤ tramite laser scanner e fotogrammetria aerea tramite drone, allo scopo di realizzare un modello 3D. Sono state eseguite anche indagini tecniche per definire la tipologia delle murature, le loro caratteristiche e orizzontamenti, attraverso indagini indirette e dirette. Inoltre, sono state effettuate indagini georadar, termiche, soniche, sismiche e endoscopiche, con successiva interpretazione e ubicazione 3D nel modello. Si √® proceduto alla classificazione delle murature, alla caratterizzazione del suolo/sottosuolo, dei caratteri geotecnici dei terreni e alla valutazione della pericolosit√† sismica di base. Infine, si √® proceduto all’individuazione dei meccanismi di collasso locali per definire i possibili scenari di danno e all’elaborazione e analisi con valutazione della sicurezza sismica. Per i rilievi, l’universit√† si √® avvalsa della societ√† IDS GeoRadar.

Riproduzione riservata © 2022 Dronespectremag

SHARE ON

Aggiornato il 02/15/2023

Articoli correlati